© RTSH

Albania: MIRUD sfida i tabù e le polemiche al FiK59

Nella nostra recente intervista a MIRUD erano emersi già dei particolari sulla sua performance al Festivali i Këngës 59. Ci aveva promesso uno spettacolo molto curato.

E così è stato. MIRUD ha duramente lavorato alla coreografia ed ai costumi della sua Nëse Vdes.

https://www.instagram.com/p/CI9ckAyAxFa/?utm_source=ig_web_copy_link

Per le sue due performance (con base registrata e in versione acustica) MIRUD si è affidato agli abiti del brand andaluso ARCOS, mentre per le coreografie alla kosovara Almenda.

Il risultato è esplosivo e chiaramente non è passato inosservato. In una esibizione con un costume chiaramente ispirato ai toreri e nel secondo caso un mix di damascato e ricami che rimanda ai secoli d’oro della Spagna.

Le reazioni degli eurofan sono state molto positive, ma non tutti (e soprattutto in Albania) hanno pensato lo stesso e sul suo profilo Instagram MIRUD ha deciso di rispondere a questi attacchi.

Le persone che offendono gli altri spesso finiscono per offendere se stessi. È singolare come gli attacchi rivolti a me per il mio outfit al FiK59, chiedendomi se sono un uomo o una donna, non sono stati invece rivolti ad altri uomini etero (Harry Styles, J Balvin) che hanno usato abiti del genere prima di me.

MIRUD

Il cantante non si scompone più di tanto perché evidentemente non è la prima volta che gli vengono rivolte offese del genere. Non si esime però dal ricordare ai tanti leoni da tastiera che lui si sta mettendo in gioco per permettere a tanti di poter uscire per strada e non doversi preoccupare di essere vittime di violenza per la sola colpa di essere se stessi.

Mi sono esposto viaggiando in questi tempi difficili e faccio questo show per la comunità LGBT albanese. Mi rattrista vedere che ci sia tanto odio anche all’interno della nostra comunità. Mi sono messo in gioco con questo outfit e sono orgoglioso di quello che ho fatto.

MIRUD

Tra le righe leggiamo che i peggiori commenti quindi sono arrivati da membri della comunità LGBT albanese. MIRUD si chiede quindi come una performance come la sua possa cambiare la mentalità della società albanese, se già tra membri della stessa comunità non ci si accetta e rispetta a vicenda.

Noi chiaramente ci schieriamo con MIRUD. La sua scelta coraggiosa è animata da una motivazione nobile e speriamo che serva a migliorare la percezione delle persone LGBT nella società albanese e permetta a molti più giovani di vivere la propria sessualità in modo sereno.

Troviamo lo spettacolo che ha preparato assolutamente iconico e non vediamo l’ora che sia stasera per poter ammirare MIRUD in tutto il suo splendore.

E voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere sui nostri canali social!