Foto: Jess Gleeson

Australia: la presenza della delegazione a Rotterdam è ancora incerta

La presenza della delegazione australiana all’Eurovision Song Contest 2021 a Rotterdam è ancora incerta.

Parlando con BuzzE, il produttore esecutivo dell’Eurovision 2021 Sietse Bakker ha affermato che l’arrivo dell’Australia a Rotterdam a maggio è ancora incerto. L’organizzazione olandese ha ricevuto un’eccezione dal Ministero dell’Istruzione, della Cultura e della Scienza, in modo che tutti i partecipanti possano andare nei Paesi Bassi nonostante le restrizioni di viaggio, ma per l’Australia non è così facile.

Per le delegazioni europee è tutto molto più facile, soprattutto per i paesi dell’UE. Per l’Australia è invece difficile perché ha restrizioni di viaggio piuttosto rigide. Speriamo di saperne di più presto.

Sietse Bakker

Le delegazioni che andranno a Rotterdam dovranno rispettare una serie di regole fin dalla partenza dai propri paesi. Ad esempio, un test Covid negativo è obbligatorio prima che le valigie siano imbarcate e agli artisti è chiesto di rimanere nel loro hotel il più possibile in modo da creare un rifugio sicuro (stesso protocollo adottato a Sanremo 2021). I partecipanti saranno regolarmente testati anche a Rotterdam e coloro che risulteranno positivi dovranno essere messi in quarantena.

A proposito Sietse ha affermato:

Ci appoggiamo sulle linee guida RIVM. Quindi, se un artista ha cantato con i suoi backing vocalists a meno di un metro e mezzo e c’è il rischio che siano stati contagiati, l’intera delegazione dovrà essere messa in quarantena. Ciò significa che guarderanno le proprie esibizioni di backup dalla loro camera d’albergo.

Ovviamente è molto spiacevole per un artista essere bloccato in una stanza d’albergo. Ecco perché penso che ci penseranno tre volte prima di ignorare le misure di sicurezza.

Sietse Bakker

Fonte: AD.nl

Riuscirà l’Australia ad arrivare a Rotterdam in totale sicurezza? Fateci sapere che ne pensate sui social!

error: