Foto: AtresMedia

Drag Race España: nella seconda stagione si fa spazio Eurovision

Iniziata la seconda stagione di Drag Race España e già vediamo un affollamento di riferimenti all’Eurovision Song Contest.

Nella quarta puntata della celebre competizione tra drag queen abbiamo visto citate ben due canzoni, ma andiamo con ordine.

Grande protagonista di questo episodio è il classico “rusical”, il musical in drag. Il riferimento è un film realizzato dai due giudici Javier Calvo e Javier Ambrossi, “La Llamada” (disponibile anche su Netflix).


ATTENZIONE! SE NON HAI VISTO LA QUARTA PUNTATA, TI AVVISIAMO CHE SEGUIRANNO SPOILER!!

Nella rivisitazione in chiave drag dello show vediamo due queen farsi strada in un campeggio gestito da suore drag.

Durante le prove, nella werkroom, Jota Carajota entra in scena canticchiando “Antes muerta que sencilla”. Pur non facendo un riferimento preciso, gli attenti osservatori ricorderanno queste note come quelle dell’unica vincitrice spagnola al Junior Eurovision.

María Isabel nel 2004 trionfava a Bucarest con la sua canzone dal gusto andaluso pop e sventolamento di “abanicos” (ventagli, ndr).


Ma è proprio durante il rusical che si fa la citazione euroviva più diretta. Le due protagoniste Mari Corn (Marina) e Susanal (Diamante Meribrown) fanno una breve esibizione su “Dime” di Beth.

Questa canzone ha regalato alla Spagna un rispettabilissimo ottavo posto con 81 punti all’Eurovision Song Contest 2003 di Riga.


Ma se pensate che i riferimenti eurovisivi si limitano alle canzoni, ebbene vi sbagliate. Una delle favorite alla vittoria finale ha già messo la sua impronta nel mondo del fandom di Eurovision.

Sharonne infatti ha presentato insieme a Giuseppe Di Bella il BCN Eurovision Party lo scorso marzo. Ha presentato gli artisti sul palco, ha intrattenuto il pubblico e ha anche cantato in modo impeccabile.

Che ve ne pare di Drag Race España? Cosa pensate si questa combinazione tra Drag ed Eurovision? Fatecelo sapere con un commento sui nostri social!