• Home
  • Eurovision
  • Unisciti a noi
  • About

#EINoriginals | Svizzera: chi è Gjon’s Tears?

Gjon’s Tears avrebbe dovuto rappresentare la Svizzera con la sua “Repondez-Moi” il prossimo maggio a Rotterdam. Nonostante la cancellazione e relativo rinvio dell’Eurovision Song Contest al 2021, Gjon, come altri partecipanti, è stato confermato nuovamente per il prossimo anno. Lo vedremo quindi esibirsi sul palco ma, come da regolamento eurovisivo, con un’altra canzone in gara.

Qui l’annuncio ufficiale dell’artista della sua conferma come rappresentante Svizzero per l’Eurovision Song Contest 2021 tramite il suo profilo Instagram .

Chi è Gjon’s Tears?

Gjon’s Tears, il cui vero nome è Gjon Muharremaj, è nato nel 1998 in Svizzera, più precisamente a Broc, nel Cantone di Friburgo, figlio di genitori albanesi-kosovari.

Il suo nome di battesimo, come dichiarato in una bella intervista rilasciata a LeTemps, deriva dal padre del famoso cavaliere albanese Gjergj Kastriot Skanderbeg, ossia Gjon Kastrioti.

Non tutti sanno che il nome d’arte Gjon’s Tears si riferisce anche alla sua band, di cui è frontman, e con la quale si esibisce live nei concerti in Svizzera e paesi limitrofi.

Gli artisti a cui si ispira Gjon sono principalmente Cesária Évora, Grace Jones e David Bowie, oltre ad essere un’appassionato di musica classica.

La scelta di inserire nel nome d’arte la parola “tears” (lacrime) ha origine da un commovente episodio. Un piccolo Gjon di 8 anni si esibisce davanti a suo nonno con la canzone “Can’t help falling in love” di Elvis Presley, facendolo emozionare fino alle lacrime. Da quell’episodio Gjon comprende il potere della musica e la sua capacità di poter toccare tutte le corde emozionali dell’essere umano.

Come ha dichiarato il cantante:

Che si tratti di gioia, tristezza o malinconia, voglio toccare le persone con la mia musica in ogni modo possibile.

Gjon’s Tears
L’inedito “Back in light” pubblicato alla fine del 2018

Le esperienze tra i talent in Albania, Francia, Svizzera e il singolo di debutto

Nonostante la giovane età, Gjon ha alle spalle svariate esperienze trascorse inevitabilmente anche attraverso i talent. A soli 12 anni partecipa ad Albania’s Got Talent arrivando in finale e classificandosi terzo.

Gjon’s Tears canta “Je t’aime” di Lara Fabian

L’anno successivo partecipa alla stessa trasmissione, ma nella versione Svizzera, raggiungendo le semifinali.

Gjon’s Tears durante l’esibizione a The Voice of France del brano Rocket Man

Nel 2019 partecipa all’ottava edizione di The Voice of France e concorre nel gruppo capitanato da Mika (con cui le somiglianze musicali ed artistiche sono, secondo noi, evidenti). Qui si ferma alle semifinali, ma la sua esperienza lascia inevitabilmente un segno all’interno del programma, grazie al quale riceve numerosi apprezzamenti a livello europeo e la sua carriera artistica inizia a formarsi e a definirsi.

mika gjon's tears the voice of france

Durante la trasmissione Gjon si è esibito assieme al suo capo team Mika e ad un’altra concorrente in gara, Whitney, in una allegra versione della canzone “Relax, take it easy”.

Dopo l’esperienza a The Voice, Gjon pubblica il suo singolo di debutto intitolato “Babi” (papà in albanese ndr.), pubblicato nella primavera del 2019. Sotto potete ascoltare la canzone eseguita dal vivo durante un’ospitata nella finale di “The Voice Kids-Albania”.

Il 2020 e l’occasione di rappresentare la Svizzera all’Eurovision Song Contest

Ci sono voci che vorrebbero Gjon come partecipante di “Destinatiòn Eurovision”, la selezione nazionale francese. La competizione è stata però cancellata e si è deciso di optare per una scelta interna. Il cantante ha ammesso anche di essere stato invitato a partecipare alla competizione del Festivali I Këngës, la selezione nazionale albanese per la scelta del proprio rappresentante all’Eurovision. Ma alla fine non vi erano più posti disponibili per prendere parte all’evento.

Ma quindi come ci è arrivato Gjon a rappresentare la Svizzera?

Dopo la sua esperienza a The Voice of France è stato notato e contattato da Alizé Oswald e Xavier Michel del SUISA Camp, la cooperativa di compositori, autori ed editori di musica provenienti dalla Svizzera e dal Liechtenstein. Dopo l’incontro, insieme anche all’autore e discografico Jeroen Swinnen, hanno creato in meno di un giorno la canzone “Repondez-Moi”. Gjon ha dichiarato in seguito, di aver saputo dopo che la canzone sarebbe stata proposta alla rete nazionale svizzera per competere all’Eurovision Song Contest.

Il pezzo “Repondez-moi”, scritto assieme a Xavier Michel e Alizé Oswald, è una canzone che parla di origini ed identità, del perchè siamo qui, del significato della vita, delle domande che ci poniamo nel corso della nostra esistenza e che non sempre trovano risposta, del perchè una persona è costretta ad abbandonare la propria terra e a vivere lontano dalla propria famiglia.

La canzone cerca di inquadrare il momento in cui, dopo esserci sfogati con un pianto liberatorio, rimaniamo per un attimo svuotati, in balia, in mezzo a mille domande e dubbi.

Il video ufficiale del brano si ispira ai film muti francesi degli anni ’30 ed è un vero e proprio cortometraggio. Nel video vediamo il protagonista aggirarsi in una biblioteca, luogo metaforico che simboleggia il sapere e la conoscenza e quindi le risposte alle nostre domande.

Per ultimo vi vogliamo lasciare con una chicca: un piccolo Gjon in versione JESC che cammina romanticamente assieme ad una ragazzina per le strade di Montréal nel video di “Si Parfaite”. Al tempo Gjon stava iniziando a farsi conoscere fuori dai confini svizzeri grazie alla sua partecipazione all’edizione di The Voice of Albania dopo la quale, grazie al supporto della famiglia, ha iniziato ad incidere i primi brani.

Come detto ad inizio articolo, sul palco di Rotterdam l’anno prossimo non ascolteremo “Repondez-Moi”. Siamo però contenti che Gjon sia stato confermato per la prossima edizione!

Bonne chance Gjon!

error: