• Home
  • Eurovision
  • Unisciti a noi
  • About

#EuroRewind AfterParty Playlist: le seconde scelte

Come ogni settimana, vi facciamo rivivere le emozioni dell’Eurovision Song Contest con il nostro #EuroRewind. E a fine spettacolo non vi abbandoniamo, ma la festa continua con il nostro #AfterParty.

Questa settimana abbiamo deciso di fare un’operazione diversa. Regaliamo una seconda vita alle seconde scelte. Tutte quelle canzoni che per il rotto della cuffia non hanno rappresentato il loro paese all’Eurovision Song Contest.

#1 Queentastic – Drop Dead Gorgeous

Correva l’anno 2006 e al Melodi Grand Prix Norvegese si presentano le drag queen Queentastic. I loro cambi d’abito le porteranno al terzo posto.

#2 Alcastar – Alcazar

Gli Alcazar, quelli di Crying at the Discotheque, faticano per arrivare in finale al Melodifestivalen 2005 e alla fine spiazzando un po’ tutti arrivano terzi.

#3 O.K. – Helena Paparizou

Nel 2005 la tv greca sceglie Helena Paparizou, ma concede al pubblico da casa la scelta della canzone. Tra le tre canzoni presentate, O.K. si classifica seconda con il 24,55% dei voti.

#4 Fight for Love – Courtney Act

Nel 2019 per la prima volta l’Australia decide di organizzare una finale nazionale. Tra i nomi presenti troviamo la famosissima drag queen Courtney Act (finalista nella sesta stagione di RuPaul’s Drag Race), che però si fermerà al quarto posto.

#5 Mea Culpa – Catarina Pereira

Nel Festival da Canção 2014 c’è un concentrato pop pazzesco. Catarina Pereira con una canzone scritta da Andrej Babic (Senhora do Mar, 2008) si qualificherà seconda.

#6 Bombo – Adelen 

Nel 2013 la norvegese di origine spagnola Adelen si presenta al Melodi Grand Prix e nulla può contro Margaret Berger. Si ferma al secondo posto.

#7 The Flyer – Sergey Lazarev

Nel 2008 il primo tentativo di Sergey Lazarev di partecipare all’Eurovision Song Contest. Nella finale russa la sua The Flyer, scritta e prodotta in Svezia, arriverà quarta.

#8 Me Tana – Elvana Gjata

Elvana si sentiva la vittoria del Festivali i Këngës 2020 in tasca. Canzone un po’ alla Foureira, ma non gradita da tutti i giurati. Per 3 punti arriva seconda e rimanda di almeno un anno la sua partecipazione all’Eurovision Song Contest.

# 9 Lo Malo – Aitana & Ana Guerra

Nel 2018 la Spagna seleziona nuovamente la sua entry attraverso Operación Triunfo. Nella finale a tre Lo Malo arriva solo terza, con il 26% del televoto. Niente Eurovision, ma un successo strepitoso di vendite per Aitana y Ana Guerra.

# 10 Bulletproof – Dotter

Un solo punto nel 2020 ha separato Dotter dalla vittoria al Melodifestivalen e staccare il biglietto per l’Eurovision Song Contest.

# 11 Let your heart be mine – Jenny Berggren

È il 2011 quando Jenny Berggren, già cantante dei mitici Ace of Base, attraversa il Mare del Nord e tenta la fortuna al Melodi Grand Prix danese. Si fermerà alla prima fase dello show.

Vi ricordiamo che la nostra pazzesca playlist la trovate aggiornata ogni settimana su Spotify.

error: