© EIN

Eurovision 2022: chi sale e chi scende. Chi vincerà secondo i bookmakers?

Ed eccoci giunti al primo appuntamento con i tanto “amati” bookmakers, o, per dirla in italiano, le scommesse. Come saprete il meccanismo relativo alle scommesse è molto semplice: più si è favoriti per vincere, più la quota visualizzata sarà minore. Viceversa, meno saranno le probabilità di vittoria, più questa si alzerà inesorabilmente.

Tale quota è stabilita da diversi fattori, i principali sono i seguenti:

  • Quota stabilita inizialmente dall’agenzia di scommesse in base alla “forza” di un determinato paese: la qualità del brano, i risultati degli anni passati ed altri fattori minori;
  • Il numero di persone che scommettono sulla vittoria di quel paese: più sono le giocate su un paese vincente, più questo scenderà di quota, e viceversa (meno scommesse = quote che si alzeranno);
  • Altre cause esterne indipendenti dal valore musicale (quest’anno è il caso lampante, quello dell’Ucraina).

I paesi favoriti

Dopo questa breve ma doverosa premessa, veniamo a ciò che interessa di più noi eurofan. Chi sono, al momento, i paesi favoriti per la vittoria dell’Eurovision Song Contest 2022?

Senza girarci intorno sono due, l’Ucraina ed i padroni di casa dell’Italia, rispettivamente con una quota (in media) di 2.50 per gli ucraini e di 3.75 per l’Italia. Ma cosa vogliono dire questi numeri? semplice! Scommettendo 10 euro sull’Ucraina al momento se ne vincerebbero 25 qualora il paese trionfasse a maggio.

Ovviamente le quote così basse dell’Ucraina sono notevolmente influenzate dai tristissimi eventi che stanno imperversando nel paese, in seguito all’ignobile invasione russa. Quindi molte persone stanno scommettendo su una vittoria ucraina, in vista di un Eurovision nel paese dell’aquila gialloblu il prossimo anno, per quello che, noi tutti speriamo, sarà l’anno della ricostruzione del paese, possibilmente in una clima libero e democratico. L’Ucraina infatti prima del conflitto era tra le prime tre (con Alina Pash, poi squalificata) e tra le prime cinque all’annuncio dei Kalush Orchestra (prima dell’esplosione del conflitto). Per poi schizzare in vetta dal 24 febbraio in poi…


Gli outsider

Al momento, tutti gli altri paesi sono molto staccati rispetto alle prime due. Svezia, Grecia, Polonia e Regno Unito infatti hanno quote che oscillano tra 12 e 20 (in media). Sono quote molto alte al momento, che di fatto danno le possibilità di vittoria di questi paesi molto basse (4/5%). Tuttavia potrebbero scendere nelle prossime settimane.

E San Marino?

San Marino, con Achille Lauro ed il brano “Stripper” al momento è a metà della graduatoria, con una quota che ha una forbice che va da 41 a 90 volte la posta.


Non ci crede nessuno

A chiudere questa speciale “classifica” ci sono Slovenia, Macedonia del Nord, Israele, Romania, Irlanda, Austria, Georgia e Croazia che hanno quote che vanno da 101 fino ad un massimo di 1000 nel caso della Slovenia. Il che si traduce, al momento, in una possibilità di vittoria inferiore all’1%. Ad oggi, scommettendo dieci euro sulla vittoria slovena se ne vincerebbero 10000 nel caso gli LPS alzassero al cielo il microfono di cristallo in quel di Torino. Qualcuno di voi ci sta facendo un pensierino vero?

E voi avete già scommesso? Fatecelo sapere con un commento sui nostri social!