Foto: la Stampa

Eurovision 2022: il 20% delle stanze sono rimaste vuote, ma la città era “sold out”

Eurovision 2022, il 20% delle stanze d’albergo vuote, ma…

Sono finalmente arrivati, dopo un’attenta analisi, i numeri relativi alle presenze negli alberghi torinesi durante il periodo relativo all’Eurovision Song Contest 2022. E, un po’ a sorpresa (ma neanche troppo) i numeri parlano chiaro: durante la kermesse musicale più seguita al mondo, il 20% delle stanze d’albergo torinesi sono rimaste con i letti in ordine ed immacolate, senza nessun ospite al loro interno.

Il tutto al contrario di altri grandi eventi tenutasi nella città sabauda, quali ad esempio il Salone del Libro che ha visto il 96% delle stanze occupate. Questo vuol dire che l’evento culturale ha avuto più successo di Eurovision? Assolutamente no, ed il perché è presto svelato.

Una vista di uno degli alberghi più prestigiosi di Torino, il Principi d Piemonte

Prezzi alle stelle = Altre soluzioni

Eurovision ha portato a Torino oltre 15.000 presenze in città, tra addetti ai lavori, fan sfegatati e spettatori occasionali. Tuttavia non tutti hanno soggiornato in città, o, meglio ancora, non hanno alloggiato in un albergo. Il tutto per via dei prezzi esageratamente gonfiati che, hanno dirottato parte dei turisti in strutture private (ad esempio attraverso l’affitto di un appartamento e dividendo le spese, risparmiando un bel po’ di soldi).

Numeri alla mano quindi, si è trattato semplicemente di un’occasione persa per le strutture alberghiere torinesi, che chissà, magari con qualche centinaio di euro in meno sul costo di una camera, avrebbero fatturato qualcosa di più, non lasciando vuote e desolate due stanze su dieci.

Maybe next time? Un avvertimento per gli albergatori italiani.

E voi che ne pensate? Per quale soluzione avete optato per il vostro soggiorno a Torino?