Foto: EBU

Eurovision 2022: “Il 90% delle persone non sa cosa sia Eurovision”, e se l’assessora romana avesse ragione?

L’esclusione di Roma dalla corsa per organizzare l’Eurovision Song Contest 2022 non smette di far parlare. L’ultimo episodio è legato ad un post dell’Assessora al Turismo e Grandi Eventi.

Veronica Tasciotti Amati, neo assessora, ha scritto su Facebook un ironico commento (prontamente cancellato) sulle critiche rivolte nei suoi confronti.

La Tasciotti se la prende con giornalisti e politici che improvvisamente sono diventati “esperti di grandi eventi” e che secondo lei non sono affatto preparati sull’Eurovision. A parere suo “Il 90% delle persone non sa cosa sia Eurovision”.

Analizziamo con attenzione queste affermazioni. Sono davvero sbagliate?

Il 90% delle persone non sa cosa sia Eurovision

Questo sicuramente era valido almeno fino al 2014. La vittoria di Conchita Wurst, la partecipazione de Il Volo e la gara da favorito di Gabbani hanno però stravolto questo concetto.

L’Eurovision Song Contest è finalmente largamente conosciuto anche in Italia ed i dati di ascolto su RaiUno degli ultimi anni ne sono la prova.

E da oggi tutti esperti di grandi eventi

Su questa affermazione ahimè dobbiamo dare ragione all’Assessora. Giornalisti e politici hanno sparato castronerie di ogni tipo in questi giorni, dimostrando di non essersi nemmeno presi la briga di leggere il bando pubblicato dalla Rai.

Il numero di strafalcioni letti in questi giorni sulle testate nazionali italiane è davvero lungo: Europens Broadcasting Union, European Broadcasting Corporation, Eurofestival. Solo per citarne alcune.

Noi della redazione che ad Eurovision dal vivo ci siamo sempre stati anche in periodi non sospetti (2008) possiamo dire che la presenza della “stampa che conta” si è registrata in poche sporadiche occasioni e limitatamente alle giornate di venerdì e sabato. Insomma la loro conoscenza del contest e della sua logistica è quantomeno approssimativa.

Studiare prima di criticare

Coscienti che siamo nel mezzo di una campagna elettorale e che al Bar Sport piace a tutti dire la propria…forse prima di sparare sentenze sarebbe cosa buona documentarsi.

Lungi da noi difendere la giunta romana, ma davvero con il materiale a disposizione hanno fatto quello che potevano. Di più non si poteva. E questo vale per tante altre città.

error: