Foto: latarma.it

Eurovision 2022: trattativa Rai-Cattelan in corso. Annuncio della città in ritardo, Coletta: “vogliamo fare le cose con la massima precisione”

Durante la conferenza stampa per “Da Grande”, il nuovo programma di Alessandro Cattelan pronto al debutto domani sera su Rai 1, il presentatore e Stefano Coletta (direttore di Rai 1) hanno rilasciato diverse dichiarazioni per quanto riguarda la conduzione e la città ospitante di Eurovision 2022.

Trattativa Cattelan-Rai?

Stefano Coletta, direttore di Rai 1, rispondendo alle domande dei giornalisti ha affermato star coinvolgendo Cattelan per l’eventuale conduzione di Eurovision:

Questa per Cattelan è la prima miniserie di un percorso che ho immaginato. Io non applico dei test, penso che davvero bisogna dare tempo alle novità di insediarsi per cui per me quando si provano nuovi esperimenti non è il numero contabile che mi sta a cuore, anche se tutti sanno che sono un agonista e guardo anche all’ascolto. Sto già parlando con Alessandro di dare continuità a un marchio. È ovvio che sto parlando anche con Alessandro di eventi importanti per Rai. La Rai sta lavorando con molta serietà e molto rigore su Eurovision. Stiamo ora lavorando sulla definizione della città ma io inizio intanto a costruire il lavoro editoriale ed è chiaro che sto parlando con Alessandro anche di Eurovision, che è qualcosa che va anche oltre la generalista. La premessa per far parte di questo evento è di saper parlare perfettamente l’inglese e di avere un codice culturale rappresentativo di quello che Eurovision veicola. Per me Alessandro può essere davvero un valore importante. È nostro dovere far entrare nelle case degli italiani volti che siano contemporanei.

Stefano Coletta

Da quando si apprende inoltre, a Cattelan sarebbe stata proposta dalla Rai anche la conduzione di Sanremo, ma lo stesso avrebbe più volte affermato di preferire una collocazione in ottica Eurovision.

“Sarebbe una bella occasione”

Cattelan ha poi risposto ad alcune domande, smentendo i rumors dei giorni scorsi riguardo la sua totale estraneità al progetto, nonostante il suo nome circolasse negli ambienti Rai da quest’estate:

Sarà l’ego smodato ma di meglio di un programma proprio non c’è niente. Eurovision sarebbe una bella occasione, nel caso in cui accada, che porterebbe a ringraziare tantissime persone, perché sarebbe una serie di fortunati eventi a cominciare dalla vittoria dei Måneskin a Sanremo. Il mio percorso è iniziato ad MTV, i grandi Award erano la cosa più simile all’Eurovision.

Alessandro Cattelan

Coletta non scioglie la riserva sulla città ospitante

Il Direttore di Rai 1 ha poi dichiarato che il ritardo sull’annuncio della città è dovuto al fatto che la Rai sta lavorando con grandissima trasparenza e precisone su ogni dettaglio. Probabilmente l’annuncio sarà dato in grande stile una volta terminati tutti i preparativi.

Voi che ne pensate? Fateci sapere sui social!

error: