Foto: AFP/ Joêl Saget

Francia: Barbara Pravi si racconta prima della sua esperienza all’Eurovision 2021

Oggi 19 aprile si è tenuta la conferenza stampa di Barbara Pravi, la rappresentante francese all’Eurovision Song Contest 2021. Noi eravamo presenti, scopriamo cosa ha raccontato la cantante parigina.

Clima di soddisfazione e gioia

Conferenza tenuta nello studio di registrazione Saint German di Parigi, studio dove Barbara Pravi ha inciso il brano “Voilà” e dove incide e scrive le sue canzoni. Convenevoli e molti elogi per Barbara da parte della capo delegazione francese Alexandra Redde-Amiel, che ha sottolineato l’orgoglio di averla come rappresentante e la grande ed autentica (proprio come possiamo tradurre il suo cognome Pravi in serbo) persona quale è.

Dopo poco a prendere la parola è proprio Barbara che esprime subito la sua gioia e impazienza per l’evento che si svolgere tra meno di un mese e che al contrario di cosa si possa pensare non sente pressione. Ovviamente è un onore per lei rappresentare la Francia e portare le sue diverse origini (persiane, serbe, polacche ecc.) in un contest che riunisce culture differente.

Momento propaganda con vari esponenti della delegazione e della tv francese che a gran voce ripetono che la Francia quest’anno vuole vincere! Si pensa persino in quale città francese ospitare l’evento nel 2022 (scelta che per Barbara cade senza esitazioni su Parigi).

Dopo vengono trasmessi due video, una sorta di documentario su Barbara e la sua avventura a Eurovision France e poi un videomessaggio di auguri da parte di Valentina, la vincitrice (per la Francia) allo Junior Eurovision 2020, per la quale Barbara Pravi ha co-scritto il brano. Al termine la piccola vincitrice intona anche il ritornello di Voilà, facendo emozionare la cantante parigina. Dopo un interludio musicale dove Barbara ha cantato Voilà e Prière au soleil, siamo passati alle prime domande da parte di giornalisti ed eurovision blogger.

Foto: AFP/ Joêl Saget

Il rapporto con gli altri rappresentanti

Tra le domande che lo sono state fatto c’è il suo rapporto con gli altri rappresentanti all’Eurovision 2021. Barbara ha raccontato di aver incontrato e conosciuto di persona Gjon’s Tears che le ha promesso di portarle della cioccolata Svizzera quando si rivedranno a Rotterdam, e verso il quale sente un rapporto di amicizia e collaborazione, avendo lavorato anche lei con il duo Aliose, autori dell’entry svizzera all’Eurovision 2020 Repondez-Moi. Particolare e piacevole è stato l’incontro con Blas Cantó, incontrato durante il suo viaggio in Spagna per il programma su Rocio Carrasco, con il quale è nata una bella affinità e che Barbara trova un bravo ragazzo che parla bene il francese e che ama la Francia. Anche con Destiny ed altri rappresentanti ci sono stati dei contatti, ma solo tramite messaggi e contatti social.

Com’è nata “Voilà”

Alla domanda su come è nato il brano con cui rappresenterà la Francia all’Eurovision, Barbara specifica come le sue canzoni nascano dalle sue esperienze e storie personali senza pensare se siano destinato ad un album o ad uno show internazionale. Voilà, ad esempio la rappresenta appieno perchè parla di una donna che è stata sempre un passo indietro e non ha mai preteso attenzioni su di sè. Decide poi, non senza difficoltà di farsi conoscere per quello che è.

Il luogo e il vincitore eurovisivo del cuore

Due domande poste probabilmente da alcuni fan tramite social, le hanno chiesto quale sia la sua città francese e il vincitore eurovisivo che le sta più a cuore. Montmartre è la risposta secca della parigina che elogia il piccolo arrondissement a nord della capitale. Mentre Salvador Sobral con la sua Amar Pelos Dois è il vincitore che l’ha conquistata di più, con una canzone che definisce stupenda con un testo toccante, di cui lei ha realizzato una piccola cover in francese.

L’Eurovision e la francofonia

Parlando ancora di Eurovision, Barbara Pravi spiega come questa esperienza le stia permettendo di conoscere tante e belle persone, e di esibirsi e far conoscere la sua musica. Per Voilà, dopo la vittoria a Eurovision France C’est vous qui decidez, si era pensato di inserire qualche parola o qualche parte in inglese, ma la volontà di portare una canzone che rappresentasse appieno la Francia e la francofonia ha prevalso. Francofonia che la fa da padrona negli odds (in cima troviamo Tout L’univers, Voilà e Je me casse), e che non può che renderla felice per questo trionfo nella lingua francese in un contest dove ha sempre prevalso l’inglese. Un membro della delegazione, parlando della canzone di Barbara, ribadisce che non importa capire ogni parola, perché l’emozione che riesce a trasmette colpiscono l’ascoltatore, anche se questo non conosce la lingua francese.

Foto: AFP/ Joêl Saget

Lo staging

Come previsto, Barbara non ha potuto rivelare nulla sullo staging che vedremo a Rotterdam, ma ha dichiarato che sarà sola sul palco ed indosserà un vestito con un bustino, simile a quello visto nella finale nazionale, che le permetterà di muovere le braccia durante l’esecuzione del brano.

Chi annuncerà i douze points a Rotterdam e i 12 punti personali di Barbara

Alla fine della conferenza è stato svelato che Carla (quinto posto allo JESC 2019 per la Francia) annuncerà i famosi douze points della Francia durante la finale a Rotterdam.

A chi, invece, Barbara Pravi darebbe i suoi 12 punti? Un pò a sopresa per Barbara a dover ricevere i punti è Blàs Cantò. Perchè? Per la sua bellezza d’animo e per la canzone ispirata e dedicata alla perdita della sua nonna a causa del Covid.

Cosa ne pensate di Barbara Pravi? Sarà a lei che darete i vostri 12 punti?

error: