• Home
  • Eurovision
  • About

Het Grote Songfestivalfeest: dove vederlo e perché

Vi avevamo già raccontato che il 15 dicembre 2019 si è svolto ad Amsterdam un concerto del tutto singolare. Una sorta di riunione dei vincitori degli ultimi 40 anni dell’Eurovision Song Contest.

Questo concerto, chiamato “Het Grote Songfestivalfeest” è stato prodotto dalle emittenti olandesi NPO – Avrotros e mandato in onda il 1º gennaio sera (su NPO3) per augurare a tutti gli olandesi un buon 2020 eurovisivo.

Da oggi 2 gennaio è possibile vederlo online sul sito della tv olandese, ma noi ieri lo abbiamo visto per voi e abbiamo qualche commentino da condividere.

Quindi se non volete spoilers fermatevi qui… siete avvisati!

Vi aspettate la cura dei dettagli dell’Eurovision Song Contest? Rimarrete profondamente delusi.

Edsilia Rombley (che vedremo anche a maggio) e Cornald Maas si limitano ad introdurre i cantanti e la regia vaga per il palasport facendo venire il mal di mare. Ci fossero anche Al Bano e Romina, Gloria Gaynor e Orietta Berti sarebbe la versione olandese del capodanno in piazza di Rai Uno.

Il palco chiaramente non poteva avvicinarsi a quelle diavolerie full of technology che vediamo all’Eurovision Song Contest, però ci ha regalato una sorpresa dal sapore sanremese: LA SCALINATA.

© Avrotros

Dobbiamo dire però che i cantanti l’hanno affrontata con una certa difficoltà, risultando goffi e a tratti quasi sofferenti.

L’unica che ha superato la prova scale incolume è stata chiaramente kween Eleni Foureria. Sfoggiando un look da Baby K ci ha ipnotizzato ancora una volta con Fuego.

Grande scandalo invece per l’evidente playback di Dana international e di Getty Kaspers. Quest’ultima, già vincitrice olandese, era inizialmente stata esclusa dall’evento per i suoi problemi di salute. Risentita ha fatto di tutto per farsi mettere in scaletta, facendo però una figura abbastanza pessima.

Da notare anche come questo evento dove lo staging (coreografie a parte) è minimal, metta in luce tutti i limiti di alcune canzoni vincitrici. È stato il caso di Emmelie De Forest, che in un look total blond un po’ Carly Rae Jepsen, un po’ Taylor Swift, non ha ripetuto l’incanto della sua Only Teardrops.

I vincitori irlandesi invece ci hanno regalato uno spaccato del tutto nuovo del significato di trash. Johnny Logan, col suo look da Malgioglio e Linda Martin, con un auto abbronzate uscito male, ci ricordano come non presentarsi sul palco.

Sempre impeccabile Mahmood, che ha invece fatto battere le mani a tutti i diescimila dello Ziggo Dome.

Bagno di folla anche per Serhat, che ha acquistato grande eco nei Paesi Bassi grazie a Say Na Na Na. La canzone è diventata virale grazie ad un folle reality di un personaggio pubblico che ha aperto un b&b in Francia, Chateau Mieland, e ne ha fatto una versione tutta sua.

Lo spettacolo, che è scivolato via veloce veloce si è chiuso con la vera regina degli ultimi 20 anni: Loreen. Vestita da schermitrice ha riproposto per la gioia di grandi e piccini Euphoria.

Un grande assente comunque pesava su questo cast di stelle: Duncan Laurence che, anche se impegnato a Oslo nell’ultima tappa del suo EU Tour promozionale, non ha pensato di registrare un video messaggio per salutare tutti, come fatto da Helena Paparizou.

error: