Foto: Nick Wilson

IN-Reaction: le reazioni di Eurovision IN al brano australiano “Technicolour”

Anche quest’anno torna la nostra rubrica IN-Reaction, ovvero una serie di articoli in cui tutti i collaboratori della redazione esprimeranno in breve le proprie impressioni* sui brani eurovisivi, dandone infine un voto. Questi voti serviranno poi per realizzare una media ed una classifica finale in vista dell’Eurovision 2021.

Per rendere il tutto più dinamico, quest’anno abbiamo deciso di coinvolgere anche una serie di fan che svolgeranno il ruolo di ”giuria demoscopica”.

* I collaboratori della redazione e la giuria demoscopica NON sono esperti musicali, ma semplici Eurofans. Nello specifico, la giuria demoscopica è composta da 30 fan che hanno deciso di prendere parte a questa avventura.

IN-Reaction su “Technicolour” di Montaigne

Pareri di Eurovision IN

Il brano, che ha come tema l’accettazione della vulnerabilità e la solidarietà e ad alcuni ricorda la musica di Marina and the Diamonds dal punto di vista del sound, non è piaciuto a tutti. C’è chi è confuso da alcune parti del brano, per esempio Claudio: «Ha passaggi godibilissimi seguiti da parti totalmente random». Ivan aggiunge: «La voce di Montaigne non è adatta a tutto questo caos».

La proposta pare in bilico nei pronostici e Alessandro, che finalmente apprezza l’Australia, afferma: «Non si merita di essere l’unica proposta australiana a non passare il turno. L’Australia ha fatto bene a scegliere Montaigne: rappresenta l’apice per la nazione in quanto a originalità e creatività». Anche Sara si schiera a favore della proposta australiana: «Moderna, radiofonica, con vocalizzi che te li sogni ed un concept dietro, cosa volere di più!?».

Pareri della Giuria Demoscopica

Il brano attira numerosi critiche e ben pochi la difendono a spada tratta. I commenti sono taglienti e spietati, nessuno sembra volersi tirare indietro nel criticarla.

«è come se Marina and the Diamonds e Katy Perry avessero avuto un figlio, ma la scelta migliore sarebbe stato l’aborto. Plasticosa ed inutile».

«Montaigne ha una voce particolare che riesco ad apprezzare in altri suoi brani ma non in questo e non sono una grande fan dei “yeah” alla Power Rangers dei pre-chorus. Vince il premio Verso più relatable con “everything is frustrating”».

«Quasi non me n’ero accorto… beh… presenza scenica inesistente per una canzone ugualmente inesistente…».

Va tuttavia specificato che qualcuno spera anche in una vittoria australiana, segno che non proprio tutti odiano il pezzo.

MONTAIGNE - "TECHNICOLOUR"
EROS
5
RAOUL
7
SARA
7
IVAN
4
CLAUDIO
5
GIOVANNI
7
ANDREI
6
ALESSANDRO
8
GIURIA DEMOSCOPICA
5.6
6.1
MEDIA FINALE
error: