Foto: Paulius Zaborskis

IN-Reaction: le reazioni di Eurovision IN al brano russo “Russian Woman”

Anche quest’anno torna la nostra rubrica IN-Reaction, ovvero una serie di articoli in cui tutti i collaboratori della redazione esprimeranno in breve le proprie impressioni* sui brani eurovisivi, dandone infine un voto. Questi voti serviranno poi per realizzare una media ed una classifica finale in vista dell’Eurovision 2021.

Per rendere il tutto più dinamico, quest’anno abbiamo deciso di coinvolgere anche una serie di fan che svolgeranno il ruolo di ”giuria demoscopica”.

* I collaboratori della redazione e la giuria demoscopica NON sono esperti musicali, ma semplici Eurofans. Nello specifico, la giuria demoscopica è composta da 30 fan che hanno deciso di prendere parte a questa avventura.

IN-Reaction su “Russian Woman” di Manizha

Pareri di Eurovision IN

Le reazioni sono di natura diversa. C’è sicuramente chi ha apprezzato il brano e il fatto che la Russia finalmente stia rischiando e portando un brano con un’anima. Sara elenca gli elementi che rendono il brano unico: «Rap, parlato, elementi etnici, parti in russo, c’è davvero di tutto.  La Russia di sicuro rischia con una entry particolare». In linea generale, la scelta di cantare anche in russo è stata apprezzata dalla redazione.

Non tutti però hanno amato il brano. Claudio afferma: «Il testo mi lascia perplesso». Non sa se il brano sia veramente un grido liberatorio. Altri aspetti non vengono accolti calorosamente da Eros: «Il sound e la sua voce non mi fanno impazzire».

Riguardo a un possibile risultato, Raoul ricorda: «Sappiamo tutti come sano il talento e il budget del paese quando si tratta della scenografia».

Pareri della Giuria Demoscopica

Il brano polarizza le opinioni della giuria, che nella maggior parte dei casi non viene apprezzato. Ciò che però viene evidenziato è la scelta piacevole scelta di cantare nella lingua nazionale, nonché il tema del brano».

«Testo interessante, seppur ripetitivo, performance molto meno. Mezzo punto in più per la lingua madre».

«Anche se Manizha parla la lingua della verità, punterei sul fornire una traduzione on screen durante l’esibizione. Io stessa sono stata pigra e ci ho messo settimane a guardare il testo, allo spettatore medio dell’Eurovision che guarda solo semifinali e finali non penso si prenderebbe del tempo per andare a leggere il messaggio».

«Scelta decisamente particolare. Lei artista impegnata. Testo sicuramente di peso. Musica forse poco incisiva».

«Una delle canzoni più moderne, più attuali sia in termini musicali che di testo e soprattutto un brano coraggioso che pone il tema del femminismo e del patriarcato in una delle società più arretrate su questo tema in Europa (e non solo su questo tema). Non posso che applaudire a chi sta fronteggiando critiche pesanti nel suo Paese per stare dalla parte giusta».

MANIZHA - "RUSSIAN WOMAN"
EROS
5
RAOUL
7
SARA
7
IVAN
6.5
CLAUDIO
4.5
GIOVANNI
4.5
ANDREI
8
ALESSANDRO
8
GIURIA DEMOSCOPICA
7.2
6.4
MEDIA FINALE
error: