Foto: Stina Stjernkvist/SVT

Intervista | Paul Rey, partecipante al Melodifestivalen 2021

Un gradito ritorno al Melodifestivalen 2021 è quello di Paul Rey.

Il cantautore ventottenne di Malmö ha partecipato al Melodifestivalen per la prima volta lo scorso anno. Si è classificato sesto con la sua Talking in My Sleep, che si è anche rivelata un grande successo nella classifiche svedesi.

Il suo percorso musicale inizia da teenager con l’hiphop, quando si fa chiamare “P.J.”. Si trasferisce negli Stati Uniti dove trova in Quincy Jones il suo mentore.

Quest’anno è tornato in gara con The Missing Piece, che è firmata dallo stesso team di “Talking in My Sleep”. Oltre al cantante ci sono infatti Fredrik Sonefors e Laurell Barker. Quest’ultima è una autrice eurovisiva canadase molto prolifica. Al suo attivo “She Got Me” di Luca Hänni.

Ha preso parte nella prima semifinale del Melodifestivalen conquistando un posto per Andra Chansen. Questo sabato cercherà dunque un posto per la finale della selezione svedese.

Negli scorsi giorni siamo riusciti a raggiungerlo e con estremo piacere ha accettato la nostra intervista.

L’intervista 💬

Sei arrivato in finale allo scorso Melodifestivalen. Cosa ti ha spinto a tornare?

È stata un’esperienza così divertente che già dopo le prime prove ho capito che avrei dovuto rifarlo. Fortunatamente sono stato in grado di competere quest’anno e non vedo l’ora di partecipare ad Andra Chansen.

Come ci si sente ad esibirsi senza pubblico? Ha qualche effetto sulla tua performance?

Non mi cambia più di tanto, anzi riesco più facilmente a gestire le mie emozioni. Mi dico che si tratta di un’altra prova generale e non una diretta davanti a milioni di spettatori. Però devo dire che diminuisce la scarica di adrenalina. Non posso negare che sia molto diverso rispetto all’anno scorso.

Finita la competizione, quali sono i tuoi piani per quest’anno?

Mi metterò a scrivere nuova musica che spero possa risultare nel mio primo album. Per i concerti dovrò vedere cosa mi permetterà di fare la situazione epidemiologica nei prossimi mesi.

Hai una carriera musicale molto lunga e che spazia tra tanti generi. Sei soddisfatto di quello che hai fatto fino ad ora?

Sono molto felice e orgoglioso di quello che raggiunto fino ad oggi. Ma è solo l’inizio!

C’è qualcuno con cui ti piacerebbe collaborare?

Mi piacerebbe moltissimo lavorare con Bruno Major, penso sia un grande autore e musicista.

Foto: Stina Stjernkvist/SVT

Grazie a Paul per questa piccola intervista interessante. Gli auguriamo tutto il meglio per Andra Chansen al Melodifestivalen e aspettiamo di vedere i suoi prossimi progetti, magari in Italia!

© Riproduzione Riservata

error: