Foto: EBU/ Andres Putting

Irlanda: tra la lingua irlandese e il processo di selezione per Eurovision 2022

Il capo delegazione irlandese Michael Kealy ha rivelato al poadcast “The Euro Trip” importanti notizie sul paese legate all’Eurovision 2022. La prima riguarda la lingua irlandese, cioè l’Irlanda invierà una proposta nella sua prima lingua ufficiale ad Eurovision nel prossimo futuro?

La risposta di Michael è diretta, infatti dichiara:

Sì è la risposta facile a questo. Sta tutto nella canzone. Sarei felice di andare all’Eurovision con una canzone in lingua irlandese che potrebbe competere a quel livello. Il problema è che la maggior parte delle persone scrive in inglese. Ci sono una o due canzoni in lingua irlandese tra le 320 canzoni che sono state inviate per il 2022, quindi le probabilità che una di quelle canzoni venga scelta quest’anno saranno basse. Certamente non escluderei l’ipotesi per il futuro.

Michael Kealy

L’ultima proposta interamente in irlandese risale al 1972, quando Sandie Jones cantò “Ceol An Ghrá” nell’edizione inglese dell’Eurovision. Per lei 15° posto su 18, ma ovviamente erano altri tempi, probabilmente negli anni nostri la lingua irlandese sarebbe ben accolta soprattutto nel caos dei brani in lingua inglese.


L’Irlanda allo JESC ad esempio, è obbligata a cantare nella lingua nazionale, come da regolamento infatti ogni paese deve proporre la propria lingua e al massimo il 40% del brano in una lingua diversa. Dal suo debutto, nel 2015 l’Irlanda infatti ha proposto allo Junior Eurovision la lingua irlandese, l’emittente TG4 che si occupa della partecipazione ha raggiunto la top 10 nel 2016 con la giovane Zena Donnelly.


L’altra notizia riguarda il processo di selezione per l’edizione 2022 dell’Eurovision. Cosa sta succedendo dopo che i 320 brani sono arrivati all’emittente RTÉ? A tal proposito il Capo Delegazione ha affermato:

Per prima cosa quello che ho fatto è stato assemblare un panel di circa 12 persone per selezionare le 320 canzoni. Ognuno di noi sta arrivando con i propri primi 20 o 30 che inseriremo in una lunga lista e abbiamo quasi completato il processo. Poi metterò insieme un panel di circa 20-25 persone e saranno persone che lavorano nel mondo della musica, della televisione e della radio. Sto coinvolgendo molti fan questa volta perché sono una grande parte dell’Eurovision e sono una risorsa che forse abbiamo sottoutilizzato negli anni precedenti.

Michael Kealy

La terza e ultima notizia riguarda il livello dei brani. I nostri amici di Euro Trip chiedono se la qualità dei brani ammessi sia buona o no, Michael risponde:

La maggior parte delle canzoni proviene ancora da persone che chiaramente non guardano la competizione. Tutti sanno che una canzone non può durare più di tre minuti, io ho una canzone che durava sei minuti. Il livello di quelle più interessanti è molto buono. Non avremo difficoltà ad ottenere cinque canzoni davvero buone per lo speciale The Late Late Show di gennaio. La parte più difficile sarà lasciarsi alle spalle gli altre tre o quattro buone.

Michael Kealy

L’ultima selezione nazionale dell’Irlanda risale al 2015, quando Molly Sterling rappresentò il paese in Austria, rimanendo però in semifinale. Il vento sta cambiando a Dublino? Lo scopriremo a Gennaio!

Le 5 canzoni per lo show irlandese saranno più competitive rispetto al passato? Cosa pensa di fare l’Irlanda per migliorare ad Eurovision?

error: