© Thomas Hanses

Islanda: gli Hatari in un documentario al Festival di Varsavia

Gli Hatari, il controverso e originale gruppo islandese che ha rappresentato il paese all’Eurovision Song Contest 2019, presenteranno in anteprima al prossimo Festival di Varsavia un film documentario intitolato A Song Called Hate (Una canzone chiamata odio ndr.).

Il documentario ripercorre la loro esperienza all’Eurovision e tutte le proteste politiche e sociali che hanno sollevato con la loro partecipazione. Il festival si svolgerà dal 9 al 18 ottobre e si terrà in diversi cinema della città polacca.

Potete vedere il trailer nel video di seguito:

©FacebookPage “A song Called Hate”

Arrivano gli anticapitalisti!

Gli Hatari hanno attirato subito l’attenzione per essersi dichiarati come gruppo anti capitalista e pro-Palestina (ricordate la famosa scena della sciarpa pro-palestina, costata una multa alla RÚV, vero?), soffermandosi molto, nelle varie interviste, sui problemi tra il paese ed Israele.

L’intenzione della band è criticare il governo di Israele con il dibattito, l’arte e le idee e non con il boicottaggio.

Mattiàs (Hatari)
Hatari al Festival di Varsavia con il documentario"A song called hate"
Hatari Hatar © Thomas Hanses

I produttori del film spiegano che lo scopo del documentario è chiedersi “qual è il ruolo dell’artista nella politica, e se c’è davvero il dovere e la responsabilità di questi di mettersi in gioco. Se è così, contano le intenzioni senza le azioni?”

E ancora:

“Si può far parte di un sistema, mentre nello stesso tempo lo si sta rifiutando?”

Il film è stato diretto dalla regista islandese Anna Hildur e racconta delle varie interviste fatte dalla band (persino con la prima ministra islandese Katrín Jakobsdóttir), e svela video inediti girati durante i preparativi all’evento.

A Song Called Hate competerà nella categoria chiamata “Spirito Libero”, in un festival che si definisce dedicato a film, documentari e lungometraggi indipendenti, innovativi e ribelli di tutto il mondo.

E chi più degli Hatari possono definirsi “ribelli”?

Cosa ne pensate del trailer di “A song called hate”? Fatecelo sapere sui social!

Fonte: EurovisionSpain

error: