Israeli singer Dana International (C), accompanied by band composer Svika Pick (L) and lyricist Yoav Ginai, celebrates winning the Eurovision Song Contest held at the Birmingham Indoor Arena May 9. Dana International won with the song "Diva" ahead of artists from 23 Euopean countries. DM/ME

Israele: muore Zvika Pick, cantante israeliano e autore di “Diva”

Zvika Pick, nato Wroclaw (Polonia) 72 anni fa, è morto oggi nella sua casa a Tel Aviv. Il cantante, vera star nel suo paese, è noto al pubblico come autore di “Diva”, canzone con la quale Dana International ha vinto Eurovision nel 1998.


La carriera di Pick inizia negli anni ’70 quando prende parte alla prima versione israeliana del musical “Hair”.

Il suo primo album sarà inciso in collaborazione con la prima moglie Mirit Shem-Or, che scriverà per lui “Mary Lou”. La hit, dedicata a lei, sarà uno dei suoi grandi successi e darà l’ispirazione al regista israeliano Eytan Fox per il musical omonimo “Mary Lou”.

Il film include tutti i più grandi successi si Zvika Pick.


Dopo una crisi artistica negli anni ’80, Pick deciderà di scrivere principalmente per altri artisti. Questo percorso lo porterà a lavorare in modo proficuo ad Eurovision.

Nel 1998 insieme a Yoav Ginai scriverà “Diva”, canzone con la quale Dana International trionferà a Birmingham.

Tornerà a scrivere la entry israeliana nel 2002. “Light a Candle” eseguita da Sarit Hadad arriverà al dodicesimo posto. E sarà lui a firmare nel 2003 la prima entry ucraina ad Eurovision. “Hasta La Vista” di Oleksandr Ponomaryov arriverà quattoricesimo.

Scriverà anche “Sing My Song” per la georgiana Sopho Nizharadze. Pubblico e giuria georgiano però preferirono “Shine” per la cantante.

Meno fortuna ebbero i suoi tentativi di partecipare ad Eurovision. Nella preselezione israeliana del 1993 con “Artik Kartiv” si piazzerà settimo e nel 2005 con “Moonlight” arriverà terzo. L’anno successivo con “Lifney SheNifradim” arriverà quarto.


Il valore di Zvika Pick è ribadito anche dal Primo Ministro israeliano Yair Lapid.

La musica entra nei cuori. Una frase che descrive bene molte delle sue canzoni, che sono davvero entrate nei cuori di tutti noi e nella cultura israeliana. Zvika è stato un rivoluzionario della sua generazione, un pilastro del pop israeliano. Zvika è morto oggi, ma la sua musica e le sue canzoni saranno suonate per tanti anni a venire”.

Fonte: Times of Israel