Art: EIN

Italia: dopo Madrid, anche Roma intitolerà una piazza o strada a Raffaella Carrà

Sembrava imminente l’intitolazione a Raffaella Carrà degli studi RAI di via Teulada in Roma, ma ora apprendiamo che anche Roma come Madrid le dedicherà una piazza od una via.

La cerimonia di intitolazione a Madrid avverrà il 6 luglio, durante i festeggiamenti per il Pride cittadino. La piazza prescelta è uno slargo conosciuto come Plaza del Olivo, all’incrocio tra la calle Fuencarral e la calle Augusto Figueroa.

Plaza del Olivo a Chueca, Madrid

Ma anche la comunità LGBT romana si era fatta sentire. La più vocal era stata Vladimir Luxuria, che da tempo spingeva le autorità cittadine a prendere una decisione.

“Madrid le intitolerà una piazza. Se lo fa Madrid, perché non lo può fare anche Roma?”, questo chiedeva la showgirl ed attivista.

La risposta è molto semplice. In Italia vige (fortunatamente) una normativa che stabilisce un tempo minimo di 10 anni dalla morte di un personaggio famoso prima che possa essere dedicata una via. Questo permette di evitare scelte frettolose, sopratutto poiché dopo la morte possono emergere elementi tali da non rendere più il personaggio meritevole.

Ovviamente un comune può operare in deroga alla normativa.

Il Sindaco di Roma Roberto Gualtieri vuole avviare prima possibile l’iter, appoggiato anche dall’assessore alla Cultura Miguel Gotor (che è anche presidente della commissione Toponomastica della Capitale).

Stiamo parlando di una personalità dell’arte e della cultura italiana tale che, se e quando arriverà l’istanza, sarà certamente valutata dalla commissione.

Miguel Gotor, Assessore alla Cultura di Roma

Un iter che necessiterà poi l’avvallo del prefetto per poter anticipare i tempi.

Nessuno ha dubbi però che tutte le parti coinvolte faranno il necessario per bruciare le tappe.

Fonte: Repubblica