Foto: La Stampa

Italia: gli Eugenio in via di Gioia vorrebbero il village al Valentino ogni anno. Ma non tutti sono d’accordo

Che l’Eurovision Village torinese al Parco del Valentino sia stato un successo è evidente. E gli Eugenio in via di Gioia vanno oltre.

La band torinese, in una recente video intervista rilasciata a La Stampa, è convinta che i loro concittadini abbiano bisogno di socialità e di musica dal vivo. La cornice ideale sarebbe proprio il Parco del Valentino, che nei loro desideri dovrebbe ospitare un festival ogni anno.

Anche il sindaco Lo Russo e la sua giunta sono convinti di questo e addirittura si erano spinti ad ipotizzare un village per Eurovision ogni anno.

L'inaugurazione dell'Eurovision Village al Parco del Valentino - La Stampa
Foto: La Stampa

Non tutti però la pensano così. I comitati di quartiere già prima di Eurovision 2022 avevano espresso fortissimi dubbi per questo progetto, affermando che il Village avrebbe danneggiato in modo irreversibile il manto erboso del polmone verde torinese.

E forse tutti i torti non li avevano… Il comune di Torino ha iniziato questa settimana a ripristinare il manto erboso, visibilmente compromesso dai 220mila visitatori.

Nella prima fase i lavori dureranno 2 settimane circa e prevedono la rimozioni dell’erba esistente, la semina di un nuovo prato e relativa irrigazione. Costo previsto intorno a 500 mila euro.

Il secondo intervento invece è previsto per l’autunno. Durata e costo dei lavori da definire.

Questo ci lascia pensare che qualunque evento si svolgerà in futuro, non sarà probabilmente al Valentino.

TORINO. Eurovision, adottate le massime misure antiterrorismo -
Foto: La Voce Torino

Fonti: La Stampa, TorinOggi, Mole24