Foto: web

Italia: Pippo Baudo apprezza la rivoluzione di Amadeus e dei Måneskin

Pippo Baudo, lo storico conduttore del Festival di Sanremo, è tornato a parlare di Amadeus e dei Måneskin in una recente intervista al Corriere della Sera.

In primo luogo un pensiero sulla terza conduzione e direzione artistica di fila per Amadeus al Festival di Sanremo.

Ne penso un gran bene. Voglio bene a Amadeus, se lo merita. Quando lo avevano chiamato la prima volta era venuto a chiedere consigli e glielo avevo detto subito: ‘Fallo assolutamente’. Ha fatto due bei festival, ora è a quota tre, chissà se arriverà al tredicesimo, come il sottoscritto. Il primo nel 1968, l’ultimo nel 2008.

Pippo Baudo

Quello che Pippo sembra apprezzare della strada intrapresa da Amadeus sembra essere la “rivoluzione” musicale che ha portato al Festival.

Ha fatto un cambiamento profondo, è arrivato ai giovani. I vincitori di quest’anno, i Måneskin, con Zitti e buoni, sono riusciti ad aggiudicarsi Sanremo e anche l’Eurofestival, una grande cosa. Non capitava da secoli.

Pippo Baudo

Non poteva poi mancare il commento sugli assoluti dominatori delle classifiche mondiali, i Måneskin.

Sono divertenti, scatenati, bravi. Ma molto diversi dal genere di musica che ascolto io, però interessanti.

Pippo Baudo

error: