Foto: LRT

Lituania: Monika Liu ambasciatrice di Mariupol

Monika Liu, rappresentante lituana ad Eurovision 2022, diventa la voce della città martire ucraina Mariupol nel progetto Postcards from Ukraine realizzato dall’Istituto Ucraino.

La cantante è concittadina di Mantas Kvedaravičius, regista ed autore dei documentari Mariupolis e Mariupolis 2, è che è stato ucciso dalle milizie russe nella città di Mariupol.

Monika nel video racconta le sfortunate vicende che nella primavera del 2022 hanno portato Mariupol sotto gli occhi del mondo. Le armate russe hanno accerchiato la città e hanno dapprima bombardato, mutilato e poi raso al suolo la città ucraina.

La città aveva una storia longeva e ricchissima di cultura. Fondata dai cosacchi ucraini nel sedicesimo secolo come avamposto sul fiume Kalmius, la città portava il nome di “città di Maria”.

L’economia cittadina era legata alla lavorazione dei metalli e anche le sue ultime disastrose giornate sono legate al destino dell’acciaieria Azovstal.


Potete cancellare la città, ma non potrete cancellare l’Ucraina.

Monika Liu

Monika nel video ribadisce come la forza russa abbia potuto abbattere tutta la sua violenza sugli edifici, ma non riuscirà a cancellare l’essenza di questa città e lo spirito nazionale degli Ucraini.

Nel progetto “Postcards from Ukraine”, l’Istituto Ucraino si pone l’obiettivo di creare un database di 100 edifici per mostrare al mondo come era l’Ucraina prima dell’invasione e di come gli invasori abbiano sistematicamente progettato una rimozione fisica e culturale della nazione.

Fonte: Odessa Journal