Foto: SVT

Melodifestivalen 2022: sabato dal Globen di Stoccolma la terza serata. Tra i partecipanti Cazzi Opeia

Continua sabato 19 febbraio 2022 l’edizione 2022 del Melodifestivalen, la selezione nazionale svedese.

La terza serata, come le prime due, sarà alla Aviici Arena (Globen) di Stoccolma, dopo che la consueta tournée è stata cancellata causa covid. A condurre Oscar Zia.

7 sono le canzoni in gara, solo due passeranno direttamente in finale e altre due parteciperanno alla semifinale del 5 marzo 2022.

Scopriamo chi sono.

Cazzi Opeia – “I Can’t Get Enough”

Foto: SVT / Janne Danielsson

Moa “Cazzi Opeia” Carlebecker è una artista svedese, la cui fama è grande come autrice di musica K-Pop. Dopo il suo debutto non fortunato ad Idol nel 2009 si è concentrata sulla collaborazione con i maggiori gruppi ed artisti coreani. Tra questi troviamo BTS, Red Velvet, NCT 127 e Enhypen. Come autrice ha venduto più di 20 milioni di album e la sua musica è stata streammata più di 4 miliardi di volte.

Dice della sua canzone di debutto al Melfest:

È una canzone pop che mette di buon umore e vi troverete a dire “I can’t get enough”. Durante il camp estivo, quanto l’ho scritta, ho capito che era quella giusta.

Cazzi Opeia

Lancelot – “Lyckligt slut”

Foto: SVT / Janne Danielsson

Lancelot Hedman Graaf ha debuttato nel 2019 come parte del duo pop Lance & Linton. Il suo singolo d’esordio come solita lo scorso ottobre, “Destroyed”, ha fatto clamore per trattare il tema dell’alcolismo. Lo stesso Lancelot è in trattamento per alcolismo e vede la musica come un modo per raccontare se stesso e questo tema scomodo.

La canzone che porta al Melodifestivalen è stata scritta insieme a Niklas Carson Mattsson.

Questa è probabilmente la miglior canzone che ho scritto fino ad oggi. Ho avuto l’ispirazione mentre ero in aereo e tutto era perfetto, ma ho avuto paura potesse finire di colpo.

Lancelot

Lisa Miskovsky – “Best to Come”

Foto: SVT / Janne Danielsson

Lisa Miskovsky non è esattamente una debuttante. Vanta 200.000 album venduti e svariati premi musicali svedesi, incluso il premio come Artista dell’anno 2004.

Divide la sua carriera tra musica e l’altra sua passione, lo snowboard. Ha partecipato al Melodifestivalen nel 2012 con “Why Start a Fire” e poi ha fatto l’inviata svedese alle Olimpiadi invernali del 2014.

Torna a 10 anni di distanza con “Best to Come”.

La canzone parla di avere speranza e vedere la luce in fondo al tunnel quando sei in un periodo buio. E penso che ora ne abbiamo bisogno tutti.

Lisa Miskovsky

Tribe Friday – “Shut Me Up”

Foto: SVT / Janne Danielsson

Lo stile dei Tribe Friday è un mix di indie rock, dancing pop e emo. I tre membri del gruppo Noah Deutschmann (voce e chitarra), Isak Gunnarsson (chitarra) e Robin Hanberger Pérez (basso) si descrivono come emo sfigati che arrivano da tre diverse cittadine svedesi nel mezzo del nulla. Condividono il sogno di diventare la band più conosciuta al mondo.

Debuttano con “Shut Me Up”.

È proprio una hit, ma con la qualità di una band che suona un garage…Forse non è nemmeno una hit. É una canzone, ecco suoniamo una canzone.

Tribe Friday

Faith Kakembo – “Freedom”

Foto: SVT / Janne Danielsson

Faith è una anestesista di Jönköping. È stata scoperta dal talent radiofonico P4 Nästa nel 2019 e partecipato l’anno successivo al Melodifestivalen con “Crying Rivers”.

Da bambina giocava a calcio e cantava in un coro gospel.

La sua “Freedom” è stata scritta insieme a Palle Hammarlund, Anderz Wrethov e Laurell Barker. Quest’ultima è famosa per essere anche autrice di “She got me” di Luca Hänni e di “El Diablo” di Elena Tsagrinou.

È una canzone di speranza. Sento tantissimo ogni parola e spero lo sarete anche voi.

Faith Kakembo

Linda Bengtzing – “Fyrfaldigt hurra!”

Foto: SVT / Janne Danielsson

Per Linda questa è l’ottava partecipazione al Melodifestivalen. Al suo debutto nel 2004 ha raggiunto subito la finale, e lo ha fatto per quattro partecipazioni di fila. La sua hit più conosciuta tra gli eurofan è sicuramente “Jag ljuger så bra”.

Tra gli autori di “Fyrfalditg hurra!” c’è anche il famosissimo Thomass G:sson.

Quattro volte hurra! Questa è la vera essenza della mia canzone. Brindiamo a quello che ci ricordiamo e alla nostra vita. Questa sarà la festa delle feste e voglio che la mia esibizione sia una festa.

Linda Bengtzing

Anders Bagge – “Bigger Than the Universe”

Foto: SVT / Janne Danielsson

Anders Bagge non è un nome nuovo nel panorama musicale svedese, ma principalmente come produttore e autore.

Ha scritto e prodotto hit per artisti internazionali come Jennifer Lopez, Madonna, Celine Dion, Janet Jackson, Santana ed Enrique Iglesias. Ma la sua fama è soprattutto televisiva, è stato infatti per anni uno dei giudici del talent svedese Idol.

Partecipa al Melfest con “Bigger Than the Universe”.

È una super canzone, pieno stile feelgood. Vi farà sentire bene nell’anima e nel cuore.

Anders Bagge

Aspettiamo le prime prove per giudicare le canzoni!