Foto: EBU

Regno Unito: Jade Ewen fa causa alla Disney

Jade Ewen, nota al pubblico dell’Eurovision per essere stata la rappresentante del Regno Unito a Mosca nel 2009, ha fatto causa alla Disney per oltre 200.000 sterline.

La cantante è stata l’ultima entry del Regno Unito a riuscire a raggiungere la top10 nella finale dell’Eurovision, piazzandosi quinta con il brano It’s my time, scritto nientemeno che da Andrew Lloyd-Webber e Diane Warren. Dopo il successo di Mosca, ha anche rimpiazzato Keisha Buchanan nel celebre gruppo delle Sugababes fino al loro scioglimento, due anni dopo.


Nel 2016 Jade Ewen ha ottenuto il ruolo della principessa Jasmine nel musical Aladdin, basato sul celebre film di animazione del 1992. Il musical ha ottenuto un enorme successo nel West End, anche grazie alla sua ottima interpretazione. Inizialmente, Jade non lamenta nessun problema con la produzione del musical, ma le cose cambiarono nel 2017, quando il protagonista venne rimpiazzato e Matthew Croke ottenne il ruolo di Aladdin.

La Causa per danni

Croke viene definito dai legali della Disney “an experienced and accomplished stage performer“. Invece, Jade sembra essersi più volte lamentata per il comportamento ritenuto “poco professionale” del collega. Matthew viene descritto da lei come un cantante insicuro, che si distrae facilmente se mentre canta sente la voce di qualcun altro. Per questo motivo, dice Jade, quando lui canta in un duetto lo fa ad un volume talmente alto da coprire la voce della compagna. Inoltre, essendo più alto di lei, riesce a trovarsi con la bocca più vicino al microfono di Jade impedendole così di far giungere al pubblico la propria voce. (I microfoni dei cantanti di musical sono spesso attaccati all’altezza dei capelli, per non intralciare nei momenti di recitazione e ballo, NDA).


Per far fronte a questo problema, Jade dice di aver iniziato a cantare a volume più alto, con l’unica conseguenza che il collega avrebbe alzato di riflesso anche il proprio volume, in un circolo vizioso. Dopo essersi lamentata dell’accaduto, la ragazza si sarebbe vista rispondere di cantare più forte, e così ha fatto.

Tuttavia, dopo essere stata costretta a esibirmi a un volume più alto e con più forza di quanto fosse opportuno, Jade dichiara di aver spesso avuto dolori alla gola, tanto da dover passare intere giornate senza cantare o parlare per riposare le corde vocali. E il fatto di dover essere in scena sette o otto volte alla settimana le dava spesso troppo poco tempo per riposare tra un’esibizione e l’altra. La situazione è diventata sempre più insostenibile, finché lei ha deciso di abbandonare lo show nel 2019. A distanza di mesi, le hanno poi diagnosticato delle lesioni alle corde vocali, dovute all’eccessivo sforzo, e anche un polipo vascolare.


Le Reazioni della Disney

Naturalmente, la Disney ha immediatamente rigettato ogni responsabilità. Alle accuse di esser stata costretta a cantare troppo forte, i legali della Disney hanno risposto che la cantante ha dovuto farlo perché la sua voce era, in realtà, troppo debole. E per il fatto di non poter riposare la voce a sufficienza, hanno replicato dicendo che quando ha firmato il contratto, sapeva che si trattava di un lavoro impegnativo con molte esibizioni ogni settimana. Nel frattempo, il caso è stato accettato dalla corte, e si attende l’inizio del processo.

Jade Ewen intanto è stata impegnata anche sul set della serie Netflix Luis Miguel, in cui interpreta nientemeno che Mariah Carey.

E voi cosa ne pensate? Come finirà la causa? Credete che la Disney abbia qualche responsabilità o che Jade dovrà tornarsene a casa senza un penny di risarcimento? Esprimete i vostri pensieri nei commenti.