Philipp Kirkorov, rappresentante russo all’Eurovision 1995 e autore di molte canzoni di successo, è stato inserito dalle autorità lituane in una lista di persone pericolose per la sicurezza nazionale.

Come risultato, Kirkorov ha il divieto di ingresso in Lituania per i prossimi 5 anni.

Philipp Kirkorov: "I promised to take Eurovision no matter what. I want to  do it with the best artist, Sergey Lazarev"! - Eurovision News | Music | Fun
Philipp Kirkorov con Sergei Lazarev | © Eurovision.tv

Al cantante, autore e personaggio televisivo viene contestato il suo ruolo attivo nella propaganda russa in Ucraina e le sue innumerevoli apparizioni in concerti in Crimea.

Gli artisti che pubblicamente giustificano l’occupazione russa della Crimea non dovrebbero essere tollerati in alcun paese democratico. Abbiamo una posizione molto chiara a riguardo e quindi senza alcuna esitazione abbiamo inserito Kirkorov nella lista delle personalità non gradite in Lituania.

Agne Bilotaitė, Ministra degli Interni della Lituania
Interior Minister Agnė Bilotaitė
La Ministra Agnė Bilotaitė | © J. Stacevičius/LRT

Lunedì 18 gennaio il Ministro degli Esteri Gabrielius Landsbergis ha ufficialmente richiesto alla Ministero degli Interni di aggiungere il cantante russo-bulgaro nella blacklist lituana.

Il ministro ha aggiunto che il cantante, che ha una considerevole fan base in Lituania, ha visitato ripetutamente la Crimea e con le sue azioni ha di fatto “deliberatamente negato la sovranità ucraina di quel territorio e indirettamente giustificato le azioni repressive della Federazione Russa”.

Analizzeremo sistematicamente tutte le figure pubbliche che la Russia utilizza per giustificare le proprie azioni di politica estera e influenzare l’opinione pubblica lituana.

Gabrielius Landsbergis, Ministro degli Esteri della Lituania

Queste mosse del governo lituano non sono chiaramente isolate. Le tre Repubbliche Baltiche (Estonia, Lettonia e Lituania) sono accomunate da minoranze di lingua russa e una forte influenza politica e culturale da parte della Federazione Russa.

La lista di persona non grata non è quindi una novità. La Lettonia aveva già stilato una simile lista nel 2014 inserendo un buon numero di personaggi pubblici, oltre che politici e industriali. Per ripicca, lo stesso anno l’emittente russa Channel One spostò il festival New Wave dalla località lettone di Jurmala alla location olimpica Sochi sul Mar Nero.

Le azioni lettoni hanno portato anche al bloccare lo scorso anno le trasmissioni del gruppo televisivo statale russo RT. La tv in sostanza fomentava in modo diretto la consistente minoranza russa in Lettonia (attualmente circa il 25% della popolazione).

Possiamo aspettarci ulteriori sanzioni ed il blocco di collaborazioni tra artisti russi e baltici.

Le sanzioni però va ricordato non hanno alcun effetto sul televoto del pubblico baltico. Questi paesi condividono con la vicina Russia lo stesso mercato musicale, e quindi un nome noto nell’industria musicale russa continuerà a godere del sostegno del pubblico indipendentemente dalla decisioni delle autorità nazionali.

Fonte: LRT

error: