Foto: SMRTV

San Marino: gli emergenti di “Una Voce per San Marino” contro Achille Lauro

La vittoria di Achille Lauro a distanza di tre giorni fa discutere ancora, soprattutto tra i giovani emergenti che hanno partecipato ad Una Voce per San Marino.

Era nell’aria che Achille rappresentasse San Marino all’Eurovision 2022, almeno è questo il pensiero che aleggia nei commenti di diversi giovani come ad esempio Francesco Faggi, in gara con la sorella Elena.

Ecco cosa scrive su Instagram in riferimento all’esperienza vissuta a San Marino e indirettamente sulla vittoria di Achille Lauro sabato scorso:

Il risultato? ahaha va beh dai, direi figlio della società in cui viviamo. Mentre gente come noi parla di credere nei propri sogni e del non arrendersi mai, il sistema punta a cose sempre più costruite. Ci mancherebbe non sono arrabbiato con nessuno, solo un po’ deluso da certi ennesimi meccanismi e dalla gente che continua ad alimentarli. Ma Amen, ho già vissuto tante volte cose simili e quando è così siamo fieri di arrivare ultimi.

Francesco Faggi

Sotto a questo post del giovane artista si possono trovare i commenti di altri emergenti che hanno vissuto insieme a lui l’esperienza nei vari step della selezione e qualcuno ha condiviso nelle storie il post. Matteo Faustini, Basti, Anna Faragò, Frio, Kurt Cassar, Ashley per citarne alcuni.

Sia chiaro che non conta nulla un like piuttosto che un commento, potrebbe essere solo un modo per sentirsi vicino a Francesco Faggi, un segno di affetto, effettivamente tutti tra loro hanno legato durante questi giorni.


Ognuno può pensare e credere in ciò che vuole, ma molti di questi giovani artisti sono stati in tv per 3-4 puntate consecutive a cantare il loro brano. Perché lamentarsi solo dopo aver scoperto i risultati e il vincitore? In un periodo come questo, in cui le esibizioni dal vivo sono limitate, bisognerebbe comunque essere grati dell’opportunità che San Marino ha dato a tutti loro.

Cosa dovrebbero dire allora gli eliminati in semifinale o alle audizioni che hanno avuto spazio solo per una puntata?

Inoltre, le regole erano già note lo scorso anno. Gli emergenti avrebbero gareggiato contro 9 big. Senza sapere prima chi sarebbero stati questi big. Non capiamo perché indignarsi solo ora. E non magari direttamente dopo la presentazione dei 10 big a Milano l’8 febbraio?

Non capiamo se questa sia sincerità o una operazione per cavalcare l’onda di Una Voce per San Marino, che ha ottenuto attenzione mediatica nemmeno minimamente prevista.

Cosa ne pensate? Fanno bene i giovani ad essere delusi? Oppure devono essere sportivi e riprovarci nei prossimi anni?