Foto: EBU / Nathan Reinds

San Marino: la risposta di San Marino RTV ai provvedimenti EBU sulle 6 giurie di Eurovision 2022

Non si placano gli animi dopo i provvedimenti presi da EBU su 6 giurie nazionali squalificate da Eurovision 2022. Dopo il comunicato ufficiale EBU diffuso ieri 19 maggio, non è tardata ad arrivare una risposta da San Marino RTV.

L’emittente sammarinese lamenta di non essere stata a conoscenza del comunicato EBU pubblicato ieri, pur essendo parte attiva del consorzio televisivo pan-europeo.

San Marino RTV, nonostante si sia sempre e solo interfacciata con EBU dall’inizio della vicenda, ritiene grave questo intervento unilaterale di EBU sia nel modo che nella sostanza.

Viene fatto emergere che a fronte dei chiarimenti richiesti dalla tv sammarinese, EBU non avrebbe confermato che i sospetti di voto per irregolarità siano al 100% fondati.

Alla domanda se EBU si fosse accorta che un gruppo di paesi della II semifinale si sarebbe apparentemente scambiato il 12, il 10, l’8, il 7 e il 6 la risposta è stata no. Alla domanda sul perché i voti annullati di San Marino e degli altri 5 paesi sospettati siano stati dati tutti a Svezia (a cui sono stati girati 72 punti) e Australia (60 punti per lei) la risposta è stata perché “avevano le canzoni più belle”.

San Marino RTV

Altrettanto poco chiaro è come i 12 punti di San Marino alla finale siano stati attribuiti alla Spagna e non all’Italia. Anche in questo caso EBU non ha voluto (o saputo) fornire spiegazioni.

Indipendentemente da queste osservazioni, San Marino RTV riafferma la piena collaborazione con EBU e la fiducia nelle istituzioni preposte a vigilare sul corretto funzionamento di Eurovision.

Fonte: San Marino RTV