Foto: Chiara Stampacchia

San Marino: Senhit pubblica “Bandido” per il #FreakyTripToRotterdam

Siamo quasi alla fine del #FreakyTripToRotterdam per Senhit. La puntata di maggio era già stata ampiamente spoilerata dalla cantante stessa durante il #PrePartyES2021. Per il mese di maggio Senhit ci regala la sua versione di “Bandido”, successo delle Azúcar Moreno del 1990.

Il surrealismo

La chiave di lettura di questa Bandido è una esaltazione della penisola iberica. Nel rendere omaggio a questa canzone spagnola infatti vediamo elementi chiave della cultura e dell’arte di quel paese.

La passione evocata dal testo della canzone sono rafforzati da questo gioco a distanza tra Senhit ed il ballerino, quasi a ricordarci che anche in una situazione di isolamento dovuto alla pandemia si possa giocare comunque con la seduzione.

Costumi che richiamano il mondo della corrida e dei toreri, con dettagli curatissimi. Senhit appare con l’inconfondibile baffo di Salvador Dalí, a rafforzare ancora di più l’idea di surrealismo di questo video.

Sul piano musicale troviamo quasi delle Azúcar Moreno 2.0. L’arrangiamento in chiave moderna mantiene l’elemento caratteristico della canzone originale, sono presenti le nacchere (Castañuelas in spagnolo) che scandiscono il ritmo.

Come sempre troviamo una citazione famosa a chiudere il video. Questa volta tocca a Pablo Picasso (altro celebre artista spagnolo):

All children are born artists, the problem is to remain an artist as we grow up

Pablo Picasso

Tutti nasciamo artisti, il problema è rimanerlo quando cresciamo. Senhit e Luca Tommassini ci spronano quindi a coltivare sempre il nostro lato artistico.

Vi piace Bandido in versione “Freaky Senhit”? Fatecelo sapere sui social!