Foto: RAI

Sanremo 2021: si parla subito di Eurovision. Chi lo avrebbe detto?

Non è ancora partita la competizione, ma a Sanremo già si parla di Eurovision Song Contest.

L’argomento di solito dimenticato da stampa e tv, sorprendentemente è stato subito trattato nella prima conferenza stampa svoltasi oggi 1 marzo.

La prima conferenza stampa di Sanremo 2021 | TV Sorrisi e Canzoni
Foto: TV Sorrisi e Canzoni

Per prima cosa è stato domandato ad Amadeus e ai dirigenti RAI perché anche per il Festival non si sia adottato un piano comprendente diversi scenari di rischio come invece è stato fatto dall’EBU per Eurovision 2021.

Domanda che noi di Eurovision IN condividiamo molto, visto che già ce lo eravamo domandato su queste pagine.

Quello che sostanzialmente sia Coletta sia Amadeus hanno confermato è che abbiano “creduto di poter organizzare il Festival in una fase epidemiologica totalmente diversa” e quindi escluso totalmente altre possibilità. Diciamo noi: un risk assessment pietoso.

Delusional GIFs - Get the best gif on GIFER

I giornalisti e Claudio Fasulo, capo struttura Intrattenimento RAI, dopo aver infilato una serie di scemenze errori sull’Eurovision Song Contest e sul ruolo dell’Italia come Big5, affrontano il tema “rappresentante italiano 2021”.

Pare che la RAI abbia chiesto che Diodato si potesse esibire nuovamente con Fai Rumore durante la serata finale (non così chiaro stando alle dichiarazioni di Fasulo).

Non si capisce esattamente l’esigenza di tale richiesta, tenuto conto che altrettanto avrebbero potuto richiedere gli altri 40 paesi partecipanti. Se l’intenzione della RAI era quella di dare una nuova chance a Diodato, avrebbe potuto effettuare una scelta interna. Ma così non è stato…

La selezione italiana per Eurovision Song Contest ricordiamo sarà Sanremo, anche se non prevede alcun automatismo. Il vincitore infatti ha il diritto ma non l’obbligo di rappresentare l’Italia a Rotterdam, previo aver fornito disponibilità.

Come da Regolamento, infatti, i cantanti in gara dovranno fornire un documento scritto (non è ancora nota la deadline, ma lo scorso anno era il giorno della finale di Sanremo) in cui dichiarano la loro disponibilità ad andare ad Eurovision. Non è vincolante e non prevede clausole contrattuali (svincolo da altri impegni, promozione, registrazione live-on-tape, etc).

Insomma anche quest’anno dovremo armarci di pazienza e scoprire chi rappresenterà l’Italia ad Eurovision durante la conferenza stampa di sabato notte.

Cosa ve ne pare della richiesta RAI di far esibire Diodato? Secondo voi hanno capito le regole di Eurovision? Fatecelo sapere con un commento sui social!

error: