• Home
  • Eurovision
  • Unisciti a noi
  • About

Durante un’intervista al “The Irish Sun”, Sarah McTernan (Irlanda 2019) ha raccontato al giornalista di aver ricevuto numerosi messaggi di odio — e perfino qualcuno di morte — dopo essersi esibita a Tel Aviv. 

“Ho ricevuto dei messaggi orribili da più di un centinaio di persone. Mi hanno anche minacciata. Mi dicevano ‘devi stare attenta’, ‘guarda dove vai’, ‘non saprai mai dove sarai’. Questo tipo di cose.”

Sarah che mostra al giornalista del The Sun of Ireland i messaggi ricevuti. Foto: Crispin Rodwell

Oltre alle mail, Sarah ha ricevuto anche molte lettere, che sono state recapitate a casa della nonna

“Le ho aperte tutte e ho letto solo le prime righe che dicevano ’sei una disgrazia’, ‘sei solo una sciocca ragazza che non sa nulla’, ‘sei stupida’. Non ho letto il resto.” 

L’odio e le minacce ricevuti online hanno avuto un grosso impatto sulla cantante a tal punto da prendere la decisione di staccarsi dai socials nei giorni precedenti all’esibizione nella seconda semi-finale. 

“C’è ancora molta m***a che mi viene buttata addosso online, ma non mi interessa.
Lo sapevo che sarebbe stato controverso rappresentare l’Irlanda in Israele, ma non pensavo ci sarebbe stata tutta questa ripercussione.
Sono comunque contenta di aver rappresentato il mio paese.”

A proposito dell’esperienza di Tel Aviv — dove si è classificata 18esima nella seconda semi-finale —Sarah ha detto di essere molto grata al capo delegazione irlandese Michael Kiely e al suo team per averla sempre sostenuta.

Potete leggere l’intervista completa in inglese qui.

Fonte: The Sun of Ireland

error: