Ucraina

Ucraina: ennesimo dramma al Vidbir. I TVORCHI a rischio squalifica?

Si è appena concluso il Vidbir ed è già partita una polemica sui vincitori, i TVORCHI. Una concorrente ne chiede la squalifica.

KRUTЬ, prima secondo la giuria di qualità, avrebbe infatti riscontrato delle irregolarità legate alla performance vincente. Il duo avrebbe utilizzato uno “sdoppiamento vocale” (auto tune) durante l’esibizione di “Heart of Steel” nella selezione nazionale.

La tv ucraina Suspilne, chiamata in causa, ha respinto al mittente questo ricorso. Secondo l’emittente questo elemento tecnico non avrebbe in alcun modo alterato la performance dei vincitori ne la percezione del pubblico a casa. Insomma, pare che si tratti di una richiesta approvata dalla tv (probabilmente già durante le prove).

A confermare questa posizione anche il produttore del Vidbir, Dmytro Shurov, che ha affermato “non ci sono elementi che facciano pensare ad un non rispetto delle regole”.


Altro elemento che ha scaturito il ricorso sarebbe la casa di produzione dietro ai TVORCHI, la “Believe”. Per KRUTЬ si tratta di una casa discografica che ha interessi in Russia.
Ancora una volta la tv ucraina ha rispedito al mittente il ricorso.

“Believe” è una società francese che distribuisce in Europa e Asia. 5 dei dieci finalisti del Vidbir sono sotto contratto con questa società e altri 3 hanno collaborato fino a poco tempo fa.

Cosa ne pensate di questo primo verdetto in vista dell’Eurovision 2023? I Tvorchi arriveranno a Liverpool? Fatecelo sapere commentando questo articolo.